Festa notturna al Dams

Bologna, 19 febbraio 1977

3 comments

  1. Quante belle pennellate!!!! Dovevano servire nell’intenzione a superare le straripanti presenze di slogan e scritte precedenti. Allora era direttore DAMS l’Umberto Eco….. “Pre-Nome della Rosa”…Coltivava i sentieri della semantica, e i docenti erano al Top della Cultura italiana del Tempo… Gli studenti come si evince dalle immagini documentate, non erano da meno…. dato che i creativi presenti non scherzavano proprio. Era una sorta di collettivo pimpante. Ricordo il Team dei “pittori” che erano scenografi, pubblicitari,Menti attive di Dams e dell’ Accademia Belle Arti cittadina..Oggi sono: Illustratori editoriali, stilisti, Designer, fotografi…. Artisti molto affermati, che riflettono su questa torbidarealtà disumanamente individualista.

  2. Si ballava tammuriate, tarantelle, e Si suonava ogni tipo di strumento. Gabriella comunicava allegrian solo a vederla. Alcuni continuavano a dipingere sulle pareti,ricoprendo strati di scritte precedenti. Era un gruppo con gente di ogni regione, sardi, campani, puglesi, romani, trentini, e lombardi… emiliani pure… Ci si trovava in armonia… sorrisi veri!!!! Arrivò poi Secondulfo, che fotografò tutto, e su un quaderno registrava scritte e pitture. In seguito pubblicò per la Nuova Cappelli “Indiani in Città”. Prefazione di Egeria di Nallo.. Ne comperai 2 copie… prestate in giro, mai più ritrovate. Chi può rendermene almeno una? (Beppe)

  3. Ballo vestita di bianco nella foto 88 della festa notturna al DAMS del 19 febbraio 1977. Per sempre memorabili quei giorni. Peccato che tutto quanto mi sembrava avesse inizio proprio allora fosse in realtà la celebrazione collettiva di una fine imminente, di cui eravamo gioiosamente inconsapevoli.
    In altre immagini di quella festa riconosco Renzo Venturoli, che ho sentito al telefono quanche anno fa, con la stessa voce inconfondibile e la stessa ironia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *